Bianco è il non colore per eccellenza, perché con il suo candore totale nega ogni responsabilità, ogni coinvolgimento. Il nostro occhio vede bianco quando l’oggetto è saturo di tutte le frequenze luminose dello spettro visibile e il suo non lasciarsi penetrare da nessuna onda elettromagnetica rappresenta simbolicamente l’assoluto distacco dalle cose. Il bianco, accecante, assordante, assoluto! Pulito, pulitissimo, intonso. E’ il colore del nulla, del non fare, del non partecipare, soprattutto del “non sporcare”. Chi fra tutti colori predilige il bianco è una persona generalmente fredda e piuttosto distaccata, lontana, poco partecipe delle umane sventure, generalmente razionale, autocentrata, egoriferita. Nel packaging parla di pulito, sincero, immacolato.